La Tecnica Sessuale dello Yoga Tantriko indo-tibetano 4 parte

La Tecnica Sessuale dello Yoga Tantriko indo-tibetano 4 parte
b2ap3_thumbnail_Tantra_043.jpg
b2ap3_thumbnail_Tantra_020.jpg
b2ap3_thumbnail_Tantra_014.jpg
b2ap3_thumbnail_Tantra_005.jpg
b2ap3_thumbnail_Tantra_026.jpg
b2ap3_thumbnail_Tantra_052.jpg
b2ap3_thumbnail_Tantra_050.jpg

Si raggiunge il Paradiso veicolando verso l’alto quella stessa energia sessuale che – se veicolata verso il basso - conduce all’Inferno.Detto tantricoL’orgasmo senza eiaculazione, una volta padroneggiato, permette al mago - maschio o femmina che sia - di operare i suoi artifici sviluppando una potenza straordinaria. Negli istanti subito precedenti l’orgasmo, ma anche nel corso dell’intero rapporto, tutta l’energia sessuale viene veicolata verso i chakra superiori, dove, una volta accumulata, essa può venire utilizzata per gli scopi magici.

Durante lo svolgersi dell'attività sessuale, sia essa solitaria che di coppia, ci si dovrà sforzare di rimanere per quanto possibile concentrati su un dato obiettivo che si vuole realizzare.

Si fa poi in modo che tutta l’energia raccolta, nell'istante dell'esplosione orgasmica venga diretta al compimento dell’atto magico su cui si è mantenuta la concentrazione.

Ad esempio, se si volesse operare la guarigione a distanza di una persona si dovrebbe tenere ben salda nella mente l’immagine del suo volto e della parte malata del suo corpo.

Quindi nei momenti prossimi all’orgasmo, all’affluire dell’energia sessuale prima verso l’interno - dagli organi sessuali al coccige - e poi verso l’alto lungo la colonna vertebrale, questa andrebbe indirizzata nei chakra superiori - Cuore, gola e testa - e proiettata verso il soggetto prescelto in coincidenza con l'acme.

Continua a leggere
Vota:
2089 Hits
0 Commenti

Cosa sto cercando? (di: Nathalie Delay)

Cosa sto cercando?  (di: Nathalie Delay)

È una domanda interessante che dovremmo porci regolarmente nel corso della nostra vita, soprattutto dopo che pratichiamo da qualche anno in una via spirituale.

Continua a leggere
Vota:
2800 Hits
0 Commenti

A Scuola dallo Stregone (P.5) I 4 Nemici Naturali

A Scuola dallo Stregone (P.5) I 4 Nemici Naturali
Paura

«Quando un uomo comincia a imparare, non ha mai obiettivi chiari. Il suo scopo è impreciso, il suo intento vago. Spera di ricevere compensi che non si materia­lizzeranno mai, perché non sa ancora nulla delle diffi­coltà che bisogna affrontare per imparare.

«Piano piano inizia a imparare, all'inizio un poco al­la volta, poi più velocemente. Presto i suoi pensieri coz­zano, perché quello che impara è diverso da ciò che si era immaginato, o su cui aveva fantasticato, e così ini­zia ad avere paura. Imparare non è mai come uno se lo aspetta. Ogni fase rappresenta un nuovo compito, e la paura provata dall'uomo comincia ad aumentare sen­za pietà, inesorabilmente. Il suo scopo diventa un campo di battaglia.

«Ecco che si imbatte nel primo dei suoi nemici natu­rali: la Paura! Un nemico terribile, insidioso e difficile da sconfiggere. Si nasconde dietro ogni angolo, vaga in cerca di una preda e aspetta. Se l'uomo, terrorizzato dalla sua presenza, fugge via, la sua ricerca sarà com­promessa per sempre.»

«Che cosa succede all'uomo che fugge in preda al pa­nico?»

«Niente, a parte il fatto che non imparerà mai. Non diventerà mai un uomo di sapere. Forse sarà un pre­potente, o un innocuo vigliacco; in ogni caso, sarà un uomo sconfitto. Il suo primo nemico avrà messo fine ai suoi desideri.»

Continua a leggere
Vota:
2962 Hits
0 Commenti

Visita il Nostro Negozio

Seguici su Facebook!