Ultimi Articoli di Cristalloterapia

Cristalli per Eccessiva Preoccupazione per gli Altri

E' molto nobile preoccuparsi per il benessere degli altri, ma anche l'atteggiamento più' nobile diventa negativo…

Cristalli per lo Scoraggiamento o la Disperazione

La maggior parte delle persone soffre di scoraggiamento o di disperazione.Questi stati emozionali negativi nascono da…

Cristalli per coloro che hanno Paura

La paura è all'origine di moltissimi tipi di sofferenza, per questo è necessario agire a livello…

Energizzare l'Acqua coi Cristalli

Per energetizzare e caricare l'acqua con le proprietà dei cristalli e consigliabile utilizzare contenitore di vetro…

Cristalli per Coloro che soffrono Incertezza

L'incertezza è la conseguenza della sfiducia in se stessi, nasce dal non sapere cosa accadrà'…

Cristalli per Mancanza di Interesse

Molto spesso si vive il presente con indifferenza o con assenza di interesse, senza nemmeno rendersene…

Cristalli per chi Soffre di Solitudine

La solitudine procura una sofferenza molto forte e nasce sempre da un modo errato di vivere…

Cristalli per Ipersensibilità a Influenze e Idee Altrui

Questa disposizione mentale negativa può' portare anche al fanatismo ed è molto diffusa tra gli associati…

E fu nei pressi dell'ansa di un torrente che molti malati digiunarono e pregarono con gli angeli di Dio per sette giorni e sette notti. E la loro ricompensa fu grande perchè avevano seguito le parole di Gesù. E col trascorrere del settimo giorno tutte le loro pene svanirono e quando il sole riapparve all'orizzonte essi videro Gesù che, con il volto illuminato dallo splendore del sole nascente, procedeva verso di loro dalla montagna.

E al suo saluto «La pace sia con voi» essi non ebbero parole, ma si inginocchiarono dinanzi a lui sfiorando il lembo del suo mantello in segno di avvenuta guarigione.

«Non ringraziate me bensì nostra Madre Terra e i suoi angeli risananti. Andate e non peccate più per non incorrere più nella malattia e fate in modo che gli angeli della guarigione diventino i vostri guardiani».

Ma essi replicarono: "Maestro, dove andremo? solo tu hai parole di vita eterna; dicci quali peccati dobbiamo evitare per non incorrere più nella malattia».

E Gesù rispose: «Sia fatto secondo la vostra fede» e, sedendo tra di loro, continuò: -Dice l'antica saggezza - Onora tua Madre Terra e il tuo Padre Celeste rispettando i
loro comandamenti, affinchè i tuoi giorni su questa terra siano lunghi - e il comandamento successivo e "non uccidere" perchè la vita e data a tutti da Dio e l'uomo non può sottrarre ciò che è dato da Dio. Dunque vi dico, in verità, che tutto ciò che vive sulla terra ha origine da un'unica Madre. Quindi chi uccide uccide suo fratello e Madre Terra si allontanerà da lui sottraendogli il suo seno vivificante; e anche i suoi angeli lo eviteranno e cosi Satana farà del suo corpo la sua dimora. E la carne degli animali uccisi, nel suo corpo, diventeranno la sua stessa tomba; perchè vi dico, in verità, che chi uccide uccide se stesso e chiunque si nutre della carne di animali uccisi mangia il corpo della morte.

Perchè nel suo sangue ogni goccia del loro sangue diventerà veleno; nel suo respiro il loro respiro diventerà fetore; nella sua carne la loro carne si trasformerà in pustole; nelle sue ossa le loro ossa diventeranno gesso; nelle sue viscere le loro viscere diverranno putrefazione; nei suoi occhi i loro occhi diventeranno incrostazioni; nei suoi orecchi le loro orecchie diventeranno fiotti di cera e cosi la loro morte diventerà la sua morte. Perchè solo se serviremo il Padre Celeste i nostri debiti di sette anni saranno pareggiati in sette giorni. Ma Satana non perdona nulla e a lui si dovrà pagare tutto per intero: occhio per occhio: dente per dente, mano per mano,piede per piede,fuoco per fuoco, piaga per piaga, vita per vita, morte per morte; perchè il salario del peccato è la morte. Non uccidete dunque e non mangiate la carne delle vostre prede innocenti per non diventare schiavi di Satana. Quello infatti è il sentiero che conduce alla morte attraverso le sofferenze. Ma agite secondo la volontà di Dio affinchè lungo la strada della vita possano servirvi i suoi angeli. Obbedite dunque alle parole di Dio.

(Gn 1,29 (N.d.T.]): «Ecco, vi do per cibo ogni erba che produce seme e ogni albero da frutto che produce seme. E dò per cibo ogni erba verde a tutti gli animali della terra, a tutti gli uccelli dell'aria e a tutto ciò che sulla terra si muove e ha in sè il respiro della vita. E vi dò per cibo anche il latte di ogni animale che vive e si muove sulla terra; come ho dato loro l'erba cosi dò a voi il loro latte. Ma non mangerete la loro carne nè il sangue che la vivifica e certamente io vi chiederò conto di quel sangue zampillante dove dimora la vostra anima, come vi chiederò conto di ogni animale ucciso e delle anime di tutti gli uomini uccisi- Perchè Io, Signore vostro e vostro Dio, sono un Dio forte e geloso che punisce l'iniquità dei padri che mi odiano sui figli, anche dopo tre o quattro generazioni; ma alle migliaia che mi amano e che rispettano i miei comandamenti io mostrerò la mia misericordia. "Ama il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua forza", questo è il primo e il più grande dei comandamenti. E il secondo e simile al primo: "Ama il prossimo tuo come te stesso". Non ci sono comandamenti più grandi di questi".

E dopo queste parole rimasero tutti in silenzio tranne uno, che chiese: "Maestro, cosa devo fare se vedo una bestia feroce assalire mio fratello nella foresta? Dovrò lasciar morire mio fratello o uccidere l'animale? Non trasgredirò la legge in entrambi i casi?». E Gesù rispose: «Fu detto che un tempo all'uomo: Tutti gli animali che vivono sulla terra: tutti i pesci del mare e tutti gli uccelli del cielo sono sottoposti al tuo potere. E io aggiungo, in verità, che di tutte le creature che vivono sulla terra Dio creò a sua immagine solo l'uomo; quindi l'animale è per l'uomo e non l'uomo per l'animale. Dunque voi non trasgredirete la legge uccidendo la bestia feroce per salvare la vita di vostro fratello perchè, in verità, l'uomo è più dell'animale. Ma chi uccide anche se l'animale non lo attacca, per brama assassina, o per la sua carne, per la sua pelle, per le sue zanne o senza alcun motivo, compie un'azione malvagia perchè trasforma se stesso in bestia feroce; quindi anche lui farà la stessa fine delle bestie feroci».

E un altro chiese: «Mosè, il più grande d'lsraele, tollerò che i nostri antenati mangiassero la carne di animali puri e proibì solo la carne di animali impuri. Perchè tu ora ci vieti la carne di tutti gli animali? Qual'è dunque la legge che procede da Dio, quella di Mosè o la tua?».

E Gesù rispose: «Per mezzo di Mosè Dio dettò ai vostri avi dieci comandamenti. Ma i vostri avi dissero: "Questi comandamenti sono troppo duri", e non riuscirono a
rispettarli. E Mosè, vedendo ciò, ebbe compassione del suo popolo e non volle lasciarlo morire, cosi dette loro dieci volte dieci comandamenti meno duri affinchè essi potessero rispettarli. Ma io vi dico, in verità, che se i vostri avi fossero stati capaci di rispettare i dieci comandamenti di Dio, allora Mosè non avrebbe avuto bisogno di aggiungervi i suoi dieci volte dieci comandamenti. Perchè chi ha piedi forti come le montagne di Sion non ha bisogno di grucce, ma chi ha le gambe che vacillano va più lontano con le grucce che senza. Allora Mosè disse al Signore: « il mio cuore è triste perchè il mio popolo si perderà: infatti manca della conoscenza e non riesce a comprendere i tuoi comandamenti. Essi sono come bambini che ancora non comprendono le parole di loro padre. Signore, permettimi di dar loro altre leggi
affinchè non periscano. Se essi non possono essere con te non permettere che siano contro di te; per ora fa in modo che possano solo sorreggersi poi, quando saranno maturi per le tue parole, rivelerai loro le tue leggi».

Per questo Mosè ruppe le due tavole di pietra dove erano scritti i dieci comandamenti e, in alternativa, dette loro dieci volte dieci comandamenti. E da questi dieci volte dieci comandamenti gli scribi e i Farisei hanno ricavato centinaia di volte dieci comandamenti: hanno caricato sulle vostre spalle pesi che neanche loro sopportano. Infatti più i comandamenti sono vicini a Dio minore è il loro numero, più se ne allontanano maggiore è il loro numero. Perciò le leggi degli scribi e dei Farisei sono innumerevoli; le leggi dell'uomo sono sette; quelle degli angeli tre e quella di Dio una. «Quindi io vi insegnerò solo quelle leggi che potrete comprendere, affinchè possiate diventare uomini e seguire le sette leggi del Figlio dell'Uomo. Poi anche gli angeli sconosciuti del Padre Celeste vi riveleranno le loro leggi, affinchè il santo spirito di Dio possa discendere su di voi e guidarvi verso la sua legge».

E tutti furono meravigliati della sua saggezza e gli chiesero: "Maestro continua, insegnaci tutte le leggi che possiamo apprendere». E Gesù continuò: «Dio comandò, ai vostri avi di non uccidere, ma i loro cuori erano induriti ed essi uccisero. Allora Mosè volle fare in modo che almeno non uccidessero gli uomini e cosi tollerò il fatto che uccidessero animali. Ma il cuore dei vostri avi s'indurì ulteriormente ed essi uccisero sia uomini che animali. Così io vi dico: «non uccidete nè uomini, nè animali e neanche il cibo che entra nella vostra bocca!». Perchè se mangiate cibo vivente quello stesso cibo vivificherà anche voi, ma se uccidete il vostro cibo quel cibo morto vi
ucciderà. Poichè la vita viene solo dalla vita e dalla morte viene sempre la morte. Infatti ciò che ha ucciso il vostro cibo ucciderà anche i vostri corpi; e tutto ciò che uccide i vostri corpi ucciderà anche le vostre anime. Perchè i vostri corpi diventano ciò che mangiate cosi come i vostri pensieri diventano il vostro spirito. Quindi non mangiate nulla che sia stato distrutto dal fuoco, dal gelo o dall'acqua; perchè i cibi bruciati, congelati o marci bruceranno, congeleranno e faranno marcire anche i vostri corpi. Non fate come il contadino sciocco che semino semi cotti, congelati e marci; e quando venne l'autunno i suoi campi non produssero nulla e la sua miseria fu grande. Ma fate come quel contadino che semino nel suo campo semi viventi i quali si moltiplicarono centinaia di volte. Dunque vivete solo con il fuoco della vita e non preparate i vostri cibi con quel fuoco della morte che uccide i vostri cibi, i vostri corpi e anche le vostre anime».

"Maestro, dov'e il fuoco della vita?» chiese qualcuno. «E in voi, nel vostro corpo e nel vostro sangue».

E altri chiesero: «Dov'e il fuoco della morte?». « il fuoco della morte è quel fuoco che arde al di fuori di voi ed è più caldo del vostro sangue; è quel fuoco che voi usate per cucinare i vostri cibi nelle case e nei campi. Io vi dico, in verità, che quel fuoco di morte distrugge il vostro cibo e il vostro corpo, cosi come il fuoco della malizia rovina i vostri pensieri e distrugge il vostro spirito. Perchè il vostro corpo è ciò che mangiate e il vostro spirito è ciò che pensate. Dunque non mangiate ciò che è stato ucciso da un fuoco più forte del fuoco della vita ma nutritevi scegliendo i vostri cibi commestibili tra i frutti degli alberi, le erbe dei campi e il latte degli animali. Infatti tutto ciò è nutrito e maturato dal fuoco della vita è un dono degli angeli e di nostra Madre Terra. Ma non mangiate nulla di ciò a cui ha dato sapore il fuoco della morte perchè ciò è di Satana ».

E qualcuno, meravigliato, chiese: "Maestro, come possiamo preparare il nostro pane quotidiano senza fuoco?».

«Lasciate che siano gli angeli di Dio a preparare il vostro pane. Bagnate il vostro grano affinchè possa penetrarvi l'angelo dell'acqua, quindi disponetelo all'aria affinchè sia abbracciato anche dall'angelo dell'aria; poi lasciatelo al sole del mattino alla sera affinchè possa discendervi anche l'angelo della luce del sole. E la benedizione di questi tre angeli farà sbocciare in fretta nel vostro grano il germoglio della vita. Poi macinate il vostro grano e ricavatene delle cialde sottili come fecero i vostri padri quando lasciarono l'Egitto, la dimora della schiavitù. Quindi disponete di nuovo quelle cialde al sole fin dal mattino e a mezzogiorno giratele affinchè, prima del tramonto, l'angelo del sole possa abbracciarle anche dal lato opposto. Perchè il vostro pane deve essere preparato da quegli stessi angeli che hanno nutrito e maturato il grano nei campi. E lo stesso sole che, grazie al fuoco della vita, fece crescere e maturare il grano dovrà, con quello stesso fuoco, cucinare anche il vostro pane. Perchè il fuoco del sole da la vita al grano, al pane e al corpo; ma il fuoco della morte uccide il grano, il pane e il corpo. E gli angeli viventi del Dio vivente servono solo gli uomini vivi, perchè Dio è il Dio della vita e non il Dio della morte».

"Dunque mangiate soltanto alla mensa di Dio: la frutta degli alberi, il grano e le erbe dei campi, il latte degli animali e il miele delle api, perchè tutto il resto e di Satana e attraverso la via dei peccati e delle malattie, conduce alla morte. Ma il cibo che mangerete alla ricca mensa di Dio rafforzerà e ringiovanirà il vostro corpo e voi non vedrete mai la malattia. Perchè nell'antichità la mensa di Dio nutri Matusalemme e vi dico, in verità, che se vivrete come visse lui il Dio vivente darà anche a voi, sulla terra, una vita lunga come la sua».

"Perchè vi dico, in verità, che il Dio della vita è più ricco di tutti i ricchi della terra e la sua mensa traboccante è più ricca dei più ricchi banchetti di tutti i ricchi della terra. Dunque mangiate per tutta la vita alla tavola di nostra Madre Terra e non vi mancherà mai nulla. E quando vi nutrirete alla sua tavola mangiate sempre tutte le cose così come le trovate, non cucinatele e non mescolate una varietà con l'altra, altrimenti le vostre viscere diventeranno come pantani fumanti; e vi dico, in verità, che ciò e ripugnante agli occhi del Signore».

«E non siate come quell'operaio ingordo che, quando era alla tavola del suo padrone, divorava anche le porzioni degli altri e ingurgitava ogni cosa avidamente intrugliando tutto. E vedendo ciò il suo padrone, indignato, lo scacciò dalla sua tavola. E quando tutti ebbero terminato il loro paste egli raccolse tutti g!i avanzi e chiamo l'operaio ingordo dicendogli: «Prendi questi avanzi e vai a mangiarli insieme ai porci perchè il tuo posto e con loro e non alla mia tavola». «Fate attenzione dunque a non contaminare il tempio dei vostro corpo con ogni genere di abominazione. Alla mensa di Madre Terra troverete sempre due o tre tipi di cibo, accontentatevi di quelli; non siate golosi di tutto ciò che vi circonda perchè vi dico, in verità, che se voi mescolerete nel vostro corpo tutti i generi di cibo, allora in esso cesserà la pace e in voi si combatteranno guerre senza fine. E col tempo il vostro corpo sarà annientato, cosi come avviene per le case e i regni divisi in se stessi. Perchè il Dio nostro è il Dio della pace e non sostiene mai le divisioni; dunque non attirate su di voi la collera di Dio, altrimenti sarete scacciati dalla sua mensa e sarete costretti a mangiare alla tavola di Satana dove il vostro corpo sarà corrotto dal fuoco dei peccati, delle malattie e della morte».

«E quando vi nutrite non mangiate mai fino a sazietà; sfuggite le tentazioni di Satana e ascoltate la voce degli angeli di Dio. Perchè Satana e il suo potere vi tenteranno a mangiare sempre di più ma, se vivrete dello spirito, voi resisterete ai desideri del corpo. Infatti il vostro digiuno e sempre gradito agli occhi degli angeli di Dio.
Perciò, quando sarete sazi, fate attenzione a quanto avrete mangiato e mangiate sempre un terzo in meno".

«Fate in modo che il peso del vostro cibo quotidiano non sia inferiore a una mina e che non superi le due mine. Allora voi non diventerete mai schiavi di Satana e delle sue malattie. E non disturbate il lavoro che gli angeli compiono nel vostro corpo mangiando spesso perchè, in verità, chi mangia più di due volte al giorno compie in se il lavoro di Satana. E gli angeli di Dio lasceranno presto il suo corpo e Satana se ne impadronirà. Mangiate solo quando il sole e nel punto più alto del cielo e mangiate di nuovo quando sarà tramontato; cosi voi non vedrete malattia perchè ciò piace agli occhi del Signore. E se volete che gli angeli di Dio esultino nel vostro corpo e che Satana fugga lontano da voi, allora sedete alla mensa di Dio una sola volta al giorno. E allora i vostri giorni sulla terra saranno lunghi perchè ciò piace agli occhi del Signore. Mangiate sempre quando la mensa di Dio e apparecchiata dinanzi a voi e mangiate sempre il cibo che vi trovate. Infatti vi dico, in verità, che Dio sa bene di cosa ha bisogno il nostro corpo e quando ne ha bisogno».

«Dal mese di Agosto mangiate orzo; dal mese di Settembre mangiate grano (l'erba più perfetta tra tutte quelle recanti seme); e fate in modo che il vostro pane quotidiano sia fatto di grano, affinchè il Signore possa prendersi cura del vostro corpo. Dal mese di Ottobre mangiate l'uva acerba, affinchè il vostro corpo possa dimagrire e Satana possa fuggirne. Nel mese di Dicembre raccogliete l'uva affinchè il suo succo possa servirvi da bevanda. Nel mese di Febbraio raccogliete l'uva matura addolcita e appassita
dall'angelo del sole affinchè, grazie agli angeli che dimorano in essa, i vostri corpi si irrobustiscano. A maggio e a novembre mangiate i fichi ricchi di succo e quelli che vi avanzano lasciate che li conservi per voi l'angelo del sole; li mangerete con la polpa delle mandorle quando gli alberi non porteranno frutti. Nel mese di Aprile mangiate le erbe susseguenti alle piogge affinchè il vostro sangue possa purificarsi dai vostri peccati. In quello stesso mese iniziate anche a nutrirvi del latte dei vostri animali,
perchè il Signore dette l'erba dei campi a tutti gli animali che producono latte affinché, col loro latte, essi potessero nutrire l'uomo. lo vi dico, in verità, che quanti mangeranno solo alla mensa di Dio evitando tutte le abominazioni di Satanasaranno felici. E non mangiate cibi impuri provenienti da terre lontane ma preferite sempre
ciò che producono i vostri alberi; perchè Dio sa bene cosa e necessario per voi, dove e quando. Ed egli, riguardo al cibo, fornisce il meglio a tutti i popoli di tutti i regni della terra. E non mangiate come fanno i pagani, che si ingozzano in tutta fretta contaminando il loro corpo con ogni sorta di abominazione. Perchè il potere degli angeli di Dio entra in noi attraverso il cibo vivente che il Signore ci offre alla sua mensa regale. E quando mangiate sappiate sopra di voi l'angelo dell'aria e sotto di voi l'angelo dell'acqua».

Durante il vostro pasto respirate sempre a lungo e profondamente affinchè l'angelo dell'aria possa benedire il vostro nutrimento. E masticate bene con i denti il vostro cibo affinchè esso possa diventare liquido e, nel vostro corpo, l'angelo dell'acqua lo possa trasformare in sangue; mangiate lentamente, quasi come fosse una preghiera rivolta al nostro Signore; perchè vi dico, in verità, che se voi mangerete in questo modo alla sua mensa, il potere di Dio entrerà in voi. Ma Satana trasformerà in un pantano fumante quel corpo sul quale non saranno discesi gli angeli dell'aria e dell'acqua durante i pasti. E il Signore non lo accoglierà più alla sua mensa; perchè la tavola di Dio è un altare e chi mangia alla mensa di Dio è in un tempio. Perchè vi dico, in verità, che se il Figlio dell'Uomo rispetta i comandamenti di Dio il suo corpo diventa un tempio e il suo interno diventa un altare. Quindi non disponete nulla sull'altare di Dio quando il vostro spirito e irritato e, quando sarete nel tempio di Dio, non abbiate pensieri di collera. Entrate nel santuario del Signore solo dopo che avrete udito in voi il richiamo dei suoi angeli, perchè tutto ciò che mangerete nella tristezza o nella rabbia o in assenza di appetito nel vostro corpo diventerà veleno.

Perchè il respiro di Satana contaminerà tutto ciò. Dunque disponete con gioia le vostre offerte sull'altare del vostro corpo e allontanate tutti i cattivi pensieri quando il vostro corpo riceve il potere di Dio alla sua mensa; non sedete mai alla tavola di Dio prima che lui vi chiami con l'angelo dell'appetito». «Gioite sempre con gli angeli di Dio quando sarete alla sua mensa regale, perchè ciò rallegra il cuore del Signore; e allora la vostra vita sulla terra sarà lunga perchè sarete serviti dal più prezioso dei suoi angeli: l'angelo della gioia».

«E non dimenticatevi che ogni settimo giorno è santo ed è consacrato a Dio. Per sei giorni nutrite il vostro corpo con i doni di Madre Terra ma il settimo giorno santificatelo per il vostro Padre Celeste. Il settimo giorno non nutritevi di cibo terreno ma vivete solo della parola di Dio e intrattenetevi per tutto il giorno con gli angeli del Signore nel regno del Padre Celeste. E come lavorate per sei giorni nel regno di Madre Terra cosi, nel settimo giorno, fate in modo che gli angeli di Dio costruiscano nel vostro corpo il regno dei cieli. Quindi durante il settimo giorno non lasciate che il cibo, nel vostro corpo, disturbi il lavoro degli angeli. E allora Dio vi darà lunga vita sulla terra, affinchè voi possiate vivere per sempre nel regno dei cieli. Perchè vi dico, in verità, che se non vedrete più malattie sulla terra voi vivrete per sempre nel regno dei cieli».

«E ogni mattina Dio vi manderà l'angelo della luce del sole per svegliarvi dal vostro sonno; dunque ubbidite al richiamo del vostro Padre Celeste senza indugiare pigramente nel vostro letto, perchè all'esterno vi attenderanno già gli angeli dell'aria e dell'acqua. E lavorate tutto il giorno con gli angeli di Madre Terra affinchè possiate conoscere sempre meglio sia loro che le loro opere. Ma quando il sole sarà tramontato e il Padre Celeste vi manderà il suo prezioso angelo del sonno, allora riposate e passate la notte con lui. E allora il vostro Padre Celeste vi manderà i suoi angeli sconosciuti i quali, intrattenendosi con voi tutta la notte, vi insegneranno molte cose riguardo al regno di Dio; così come gli angeli di Madre Terra che conoscete vi istruiscono su cose che riguardano il regno di lei. Infatti vi dico, in verità, che se rispetterete i suoi comandamenti voi sarete ogni notte ospiti del regno del vostro Padre Celeste. E l'indomani, quando vi sveglierete, sentirete in voi il potere degli angeli sconosciuti. Il Padre Celeste vi manderà i suoi angeli sconosciuti ogni notte affinchè essi possano edificare Il vostro spirito, cosi come Madre Terra vi manda i suoi angeli ogni giorno affinchè possano edificare il vostro corpo. Perchè vi dico, in verità, che se di giorno vi abbraccerà Madre Terra e se di notte il Padre Celeste aliterà su di voi il suo baciò, allora i «Figli degli Uomini» diventeranno «Figli di Dio».

«Dunque opponetevi giorno e notte alle tentazioni di Satana. Non vegliate di notte e non dormite di giorno se non volete che gli angeli di Dio vi abbandonino».

«Non compiacetevi del fumo e delle bevande di Satana che tengono svegli di notte e fanno dormire di giorno perchè" vi dico, in verità, che tutto il fumo e le bevande di Satana sono abominazioni agli occhi del vostro Dio».

«E non soggiacete neanche alla libidine, nè di notte nè di giorno, perchè il libertino è come un albero la cui linfa scorre fuori dal suo tronco. E quell'albero essiccherà prima del tempo e non darà mai frutto. Quindi non siate dissoluti se non volete che Satana inaridisca il vostro corpo e che Il Signore renda sterile il vostro seme».

"Evitate anche tutto ciò che è troppo caldo e troppo freddo, perchè la volontà di nostra Madre Terra e che nè il freddo eccessivo nè il caldo eccessivo minaccino il nostro corpo. Dunque non permettete che i vostri corpi si riscaldino o raffreddino più di quanto li riscaldano o li raffreddano gli angeli di Dio. E se voi rispetterete i comandamenti di Madre Terra, allora ogni volta che il vostro corpo sarà diventato troppo caldo lei vi manderà l'angelo della freschezza per rinfrescarvi; e ogni volta che sarà diventato troppo freddo lei vi manderà l'angelo del calore per riscaldarvi».

«E seguite l'esempio di tutti gli angeli del Padre Celeste e di Madre Terra che lavorano senza sosta, giorno e notte, nei regni dei cieli e della terra. Accogliete anche voi
l'angelo del lavoro, che e il più forte degli angeli di Dio, e lavorate tutti insieme nel regno di Dio. Seguite l'esempio dell'acqua che scorre, del vento che soffia, del sole che sorge e tramonta, degli alberi e delle piante che crescono, degli animali che corrono e saltano, della luna che cresce e decresce, delle stelle che vanno e vengono; tutto ciò si muove e compie il suo lavoro, perchè tutto ciò che è vivo si muove e solo ciò che è morto e immobile. E Dio è il Dio della vita mentre Satana è il Dio della morte. Servite dunque il Dio vivente, affinchè possa sostenervi l'eterno movimento della vita e possiate sfuggire all' immobilità eterna della morte. Lavorate senza sosta per costruire il regno di Dio e per non essere scaraventati nel regno di Satana. Perchè nel regno vivente di Dio abbonda la gioia eterna ma un'immutabile tristezza oscura il
regno della morte di Satana. Siate dunque veri figli di Madre Terra e del Padre Celeste per non diventare schiavi di Satana. Allora Madre Terra e il Padre Celeste vi manderanno i loro angeli per amarvi, servirvi e istruirvi. E i loro angeli scolpiranno i comandamenti di Dio nella vostra mente, nel vostro cuore e nelle vostre mani, affinchè voi possiate comprenderli, sentirli e adempierli».

«E pregate ogni giorno il vostro Padre Celeste e vostra Madre Terra affinchè la vostra anima diventi perfetta come e perfetto il santo spirito del nostro Padre Celeste e
affinché il vostro corpo diventi perfetto come e perfetto il corpo di nostra Madre Terra. Perchè se voi comprenderete, sentirete e adempierete i comandamenti, allora vi sarà concesso tutto ciò che chiederete pregando il Padre Celeste e Madre Terra; perchè la saggezza, l'amore e il potere di Dio sono a! di sopradi ogni cosa».

"Dunque pregate cosi il nostro Padre Celeste: "Padre Nostro che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome. Venga Il tuo regno. Sia fatta la tua volontà come in cielo cosi in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano. Rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori. E non ci indurre in tentazione ma liberaci da! male;
perchè tuo e il regno, il potere e la gloria per l'eternità. Amen"».

«E pregate cosi nostra Madre Terra: "Madre Nostra che sei sulla terra, sia santificato il tuo nome. Venga il tuo regno. Sia fatta la tua volontà in noi come lo e in te. Come mandi i tuoi angeli ogni giorno mandali anche a noi. Rimetti a noi i nostri peccati come noi espiamo le nostre colpe contro di te. E non ci indurre in malattia ma liberaci dal male perchè tuo e il corpo, la salute e la terra. Amen"».

E tutti pregarono il Padre Celeste e Madre Terra insieme a Gesù. Poi Gesù continue: «Cosi come il vostro corpo stato rigenerato dagli angeli di Madre Terra, possa anche il vostro spirito essere rigenerato dallo spirito del Padre Celeste; e possiate diventare veri figli di vostra Madre e di vostro Padre e veri Fratelli dei Figli degli Uomini. Finora voi siete stati in guerra contro vostro Padre, contro vostra Madre e contro i vostri Fratelli; avete servito Satana. Ma da oggi in poi state in pace con il vostro Padre Celeste, con vostra Madre Terra e con i vostri Fratelli Figli degli Uomini; lottate solo contro Satana, affinchè egli non vi derubi della vostra pace, lo offro la pace di Madre Terra al vostro corpo e la pace del Padre celeste al vostro spirito; e che regni la loro pace tra i Figli degli Uomini!».

"Vengano a me quanti sono stanchi e soffrono tra i conflitti e le afflizioni, perchè la mia pace darà loro forza e conforto, la mia pace infatti trabocca di gioia!

Perciò io vi saluterò sempre dicendo "la pace sia con voi!" e allora anche voi salutatevi l'un l'altro in questo modo, affinchè sul vostro corpo possa discendere la pace di nostra Madre Terra e sul vostro spirito possa discendere la pace di nostro Padre Celeste. E in questo modo troverete la pace anche tra di voi, perchè il regno di Dio sarà dentro di voi. E ora tornate presso quei vostri fratelli contro i quali eravate in guerra offrite anche a loro la vostra pace. Perchè quanti lottano per la pace saranno felici; infatti troveranno la pace di Dio. Andate dunque e non peccate più; e offrite a tutti la vostra pace, come io vi ho offerto la mia; perchè la mia pace e la pace di Dio; "la pace sia con voi"». E Gesù si allontano.

E su di loro discese la sua pace; ed essi tornarono tra i figli degli Uomini con l'angelo dell'amore nel loro cuore, con la saggezza della legge nella loro mente e con Il potere della rinascita nelle loro mani; e Portarono la luce della pace a quanti lottavano nelle tenebre. E allontanandosi si salutarono l'un l'altro:

«LA PACE SIA CON TE ».

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0.00 (0 Votes)

Commenti (0)

There are no comments posted here yet

Lascia i tuoi commenti

Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Allegati (0 / 3)
Share Your Location
Digitare il testo presente nell'immagine qui sotto. Non è chiaro?

Visita il Nostro Negozio

×
Seguici su Facebook!